LondonSEO Meetup Feb 2020, from the eye of yrstrly

I’ve always liked to speak publicly, write my opinions, help younger people in the industry find their path with teaching and tutoring. I don’t even know if I’m actually good at it, but I just genuinely enjoy it. I think this has something to do with the fact that I was undeservedly very lucky, when I started to work and breathe digital marketing. I feel like I need to give something back.

This is where I want to go.

Thursday (20 Feb) I was finally back on track, after some time that I will consider of “adjustment to the UK”. I don’t want to consider it wasted, after all. I spoke at a marketing event in London: LondonSEO Meetup. This is going to be my personal take on it, but please find more info on the official Blue Array blog (and written by a better writer than I).

Thanks to Blue Array and TechUK, who organised it, I was able to spend my sweet sweet 20 minutes rambling on my (currently) favourite topic: Information Architecture. I used my “Post-Aristotelian Information Architecture” concept to bore to death the poor fellows of the audience, including some friends whom I thank A LOT for being there. Mostly puzzled faces, which was inevitable (and weirdly flattering?), but I am happy with the reception. This idea is my little baby, I cannot for the life of me see how someone might not love it <3

I want to work on myself, improving what I do on stage: having been in a rock band 15 years ago is not enough unfortunately. Well, it did give me the idea for the slides though: they featured paintings (mostly modern art) as representation of what I was going to say. Also, they made it quite interesting for Chloe to write the aforementioned blog post :P. I’m quite proud of the idea to be honest, but I will admit that I was inspired by Mussorgsky’s “Pictures at an Exhibition“, which I got to know thanks to my passion for Emerson, Lake & Palmer (and their masterpiece version of it). For one, I’ll admit I did forget some concepts I wanted to mention: using Wikipedia as an example of a non-hierarchical IA, for instance. Even though it was hard due to the topic, I should always be able to make it a bit funny. And of course, my spoken English must improve.

But we’ll get there.

Oh also, I’m very happy with my jacket + rock tshirt dress-code, will stick to it whenever I can.

The night was lovely, very funny, and somewhat emotional in certain moments. I don’t have enough information re: what Victoria Olsina mentioned, but I definitely think that the industry should stick together for the things that matter: being inclusive, supporting each other, creating better workplaces, et cetera. I’m sure she might be upset at the moment, but the thing that sucks now, she’ll see as tremendous good fortune in two months. I think I lived something similar. Every time it happened to me, in retrospective I felt lucky to have lost shitty things that in that moment felt indispensable.

Absolute mad lad speaking after me, Dom Hodgson, did the single best thing that you can do on any stage (or actually anywhere): make people laugh their asses off, with an all-over-the-place SEO quiz. Absolutely amazing. Not to mention the suit: oh god, the suit.

And wow what a privilege to share the stage and learn something from Screaming Frog’s own Patrick Langridge. Real advanced shit right there, with the clearest exposition. Couldn’t close with a more knowledgeable speaker.

Downside of the night: I was so pumped with adrenaline, I ate ZERO PIZZA. I mean, come on. What the hell. I only went through the hassle of thinking of a presentation and speaking about it, so that I could have free pizza, and then I just left it there: shame on me. Might lose my Italian passport over this. 🙂

See you soon London!

Soundtrack: of course, Emerson, Lake & Palmer’s Pictures at an exhibition

A Bridge

 

In its widest possible sense, we must consider our marketing work as a process of understanding and satisfying human desires. Today I want to describe this process through the (abused?) metaphor of the bridge.

Because after all, what is it that we do? In prosaic terms: we try to give the audience what they want, so that they buy our product.

So we have the brand on one side, and the user on the other. The first of the two shores has the desire to connect with the other, while the second has neither the need nor the desire: we are a bridge, and our job is performed properly if we allow the passage from one side to the other in the most natural, painless way as possible. The more the transition between the two sides is seamless, the better we are doing our job.

The river separating the two sides is made up of all the limitations that make the audience NOT use the service or buy the product. These limitations are virtually endless, as numerous as the springs and triggers and levers that guide the human mind. They can be the price, discount, perceived value etc.; the life span of the product (of course I buy bread once a day and a car once a decade); both direct and indirect competition (Henry Ford was a strongly influential indirect competitor in the market of horseshoe manufacturers); the psychological factors, as exclusivity (only the cool ones have it, I must have it too) or the herd-factor (they all have it, I must have it too); elements much more subtle and fleeting than these, hard to define for us because they are more part of psychology or sociology than marketing*. The number of these factors tends to infinity because our decisions are based on a psyche whose inputs are also tending towards infinity. I do not think “infinity” is the right term per se, that’s why I want to use “tend to”: maybe I’ll talk about it some other time.

*(And yeah, let’s say it, most “marketers” think they can claim themselves one with no real need of studying any such complex subjects at all. Knowing the history and implications of Nike’s Swoosh or quoting “less is more” every once in a while just does the trick doesn’t it.)

The process of facilitating the passage can be tackled in three different ways: pushing the brand towards the user; pushing the user towards the brand; facilitating the route between the two banks. The practical implications are all that experience and creativity suggest, but abstraction brings it all down to these three. I’m talking meta- here, so I won’t dig any deeper.

The point to keep in mind is: both banks benefit from the good functioning of the bridge. That is, the crossing must also bring benefits to the “user” bank, not only the “brand” bank. If we forget this fundamental point, we will become one of those old brands that have been successful in the 80s and are slowly decaying, walking dead continuing to insist with a one-way advertising, and fail to understand that traffic on the bridge must flow in both directions.

So in all respects we are not, we must not be at the service of the client or the brand: we must serve the bridge, facilitate both ways, honing its mechanisms: in short, make life better for all those who want or have to cross to the other side.

Soundtrack: Anthropocene by Delusion Squared

Le Charity e la tattica stantia del pietismo

 

Le sole persone che guardano veramente le strategie di marketing sono i marketers. Alla gente normale non interessa, e la cecità (o sordità, come vedremo dopo) cognitiva è sempre più un fattore. Un fattore irreversibile e irrisolvibile, aggiungerei.
Non lo vedo come un problema eh, sia chiaro: non dimentichiamo mai che siamo noi a doverci piegare alla società, e non viceversa. Anzi, tutto sommato mi rinfranca pensare che non vivo in un mondo di zombie assorbiti interamente nella propaganda capitalista.
Comunque, il cuore di questo post è solo tangente a questo punto: lo cito solo per evidenziare che noto i dettagli di cui parlerò solo perché lavoro nel settore, mentre una persona normale probabilmente non se ne accorgerebbe neppure, rendendo dunque piuttosto vacuo quanto segue.

Mi sono trasferito a Londra con baracca e burattini (moglie + gatto ciccione + gatto baffuto) da qualche mese, e ho subito imparato che le differenze a livello di approccio all’altro sono abissali rispetto ad altre realta che conosco. Credo di aver scritto ben poco ultimamente anche per questo motivo: troppe informazioni da assimilare. Uno o parla, o ascolta! 🙂

Tra le altre cose, diciamo che qui sono molto, molto avanti per quanto riguarda la psicologia comportamentale. Non essendo uno psicologo, affronto l’argomento con approccio personale e superficiale, tra l’altro decisamente orientato alla sociologia. Gli esperti del settore mi perdoneranno (anzi, li invito a fornirmi via mail spunti, pensieri sparsi e insulti!)

Una delle differenze che ho notato subito riguarda le charity, da quelle piccole e locali, ai colossi internazionali. MSF, Unicef, et similia. Secondo me in Italia le charity stanno sbagliando tutto nelle loro scelte di diffusione del messaggio. Tutto, mi spiace ragazzi. Parlo di diffusione del messaggio e non semplicemente di marketing, per sottolineare l’importanza del messaggio stesso. Non state vendendo bibite qui, state cercando di fare del bene, cioè l’unica causa in assoluto per cui vale la pena fare qualsiasi cosa. Lo sappiamo, vi vogliamo bene. Siamo con voi. Certo, se lo rendeste più facile, magari senza quel tocco di “peccato originale che ti tormenta per cui devi liberarti di tutti i tuoi beni terreni”, magari uno non si sentirebbe male solo a sentirvi nominare. Eravamo già dalla vostra parte, ora vi odiamo.

Suonare costantemente la stessa nota, quella della pietà, ancora e ancora e ancora, fa in modo che chi è di fronte a voi vada in sordità cognitiva. Mostrare costantemente le immagini strazianti di bambini in condizioni sub-umane, circondati da mosche e sporcizia, è controproducente. Immagini mostrate all’infinito, mai davvero “guardate” dal pubblico: un po’ per egoismo, un po’ per mille altre ragioni che ciascuno può avere (e che a nessuno piace veder mettere in discussione, per ovvi motivi). Mi chiedo quanti cambino proprio canale, durante le vostre pubblicità!

(ora il punto in cui mi becco gli insulti veri)

Non è solo controproducente, ma anche fuorviante, se è vero come è vero che la situazione complessiva per i bambini (anzi, per tutti gli esseri umani) poveri è in netto miglioramento in tutto il mondo*. (cosa? Impossibile! Ecco, Chiodo s’è drogato di nuovo!) Non ci credi? Certo, perché sono proprio le charity che fanno malissimo il loro lavoro di diffusione del messaggio! Quanto funzionerebbe meglio uno del tipo “DAI che ce la stiamo facendo! DAI, che è possibile! Forza!!”. Invece, è un infinito, sfinente, umiliante “è solo una goccia nel mare”, “non è abbastanza”. OMMIODDIONONCELAFAREMOMAIII
Come pensi si possa sentire l’audience, con questo messaggio?

Impotente, ecco come.

La controprova? Qual è la campagna più efficace mai pensata in Italia negli ultimi anni? Esatto, quella con un comico, con Giobbe che riusciva a farti pensare e al contempo non ti faceva sentire un pezzo di merda.

*Read here now, thank me later. Se non hai voglia di leggere tutto il libro, ne parla Bill Gates qui.

Peace out!

Soundtrack: The Banished Heart by Oceans of Slumber

Facebook vs the US senate

Risultati immagini per zuckerberg us senate
Credits @news.vice.com

Here’s what I thought when seeing this young billionaire kid trying to explain Facebook (I’d say “the new world” at large) to US senators.

It is clear that the steps for state bodies all over the globe to have an at-least-partial control over the online world should’ve been taken a while ago. For years, politicians have underestimated the relevance of a net which de facto overtakes the cornerstones of statal power themselves, such as citizenship, languages, borders; now they are realising they are late, and don’t know how to behave. It’s like observing two-hundreds-years-old fervent colonialists confronted with the modern equal rights movement: they just won’t understand will they. Not their fault, either.

Truth is entities such as Facebook, Google, Amazon at al., they should be born in public environment in the first place, at least partly, just like the school system, the army, the healthcare apparatus. What happens when the military is run by privates?

Yes, exactly.

The states are slow to embrace the change, because entirely controlled by the old generation. Period.

They are struggling to run back to a position of advantage, but will fail because lacking the capability to understand what unfolds before their eyes, a completely revolutionised world.

It will take fifty more years, and the substitution of a whole generation, for states to be able to face conflicts such as this one; indeed, by then technology will have asked new questions, and it will be my generation’s turn to be the old slow one, fighting for our right to express ourselves.

Del perché la Voice Search ancora non c’è, ma ha già rotto

saH, SAH, prova, prova: COMPRO SCARPE DA RUNNING ONLINE!

Perché, diciamo la verità, in questo momento la Voice Search non c’è, non esiste. Si tratta di una di quelle cose che le agenzie e i player di settore (da Google in giù) nominano con enfasi come “the next big thing”, un po’ come hanno fatto con la sovraesposizione ai video, ma che come questi segue un rapporto causa-effetto innaturale, money-driven, e che io definisco di tipo pop.

Provo ad articolare brevemente: quando si faceva della musica, e questa musica vendeva, il percorso era il seguente:
Tizio scrive musica -> poca gente sente musica -> gente ama musica e la suggerisce -> molta gente sente musica -> tizio diventa famoso. Passaparola, anyone?
Questo invece il percorso attuale:
Qualcuno scrive roba per qualche belloccio/belloccia -> il belloccio/belloccia è famoso PRIMA dell’effettiva esposizione al pubblico (“sta per uscire X, l’album dell’anno!”) -> e niente, il fatto che la musica piaccia o meno è irrilevante, il suo successo è predeterminato.
Ok ok, un giorno scriverò anche un papiro chilometrico su questa presa di posizione, ma qui il concetto su cui vorrei concentrassi l’attenzione è:

alcune cose sono sulla bocca di tutti ancor prima di provare il proprio valore,

solo perché i player rilevanti, incidentalmente quelli con i soldi, le fanno passare per buone e giuste, mentre altro non sono che nuovi metodi per arricchirsi.
Veniamo alla Voice Search. Per una solida descrizione di ciò di cui parlo, rimando a quest’articolo del mio amico e collega Andrea Gozzi. Oltre al suo articolo troverete opinioni e dati e parole su parole un po’ dappertutto. Se ne fa un gran parlare, è tutto un “+ 3000%” e un “il futuro è qui”, si spingono aziende e privati a investirci; il tutto, a parer mio, al solo fine di arricchire il carrozzone, di portare acqua al nostro mulino di probi webmarketerz. Conosci tutte le motivazioni che vengono addotte a tal fine dai alcuni colleghi, ma per come la vedo io ci sono svariate ragioni per cui investire in Voice Search è un discorso miope. Avanzo in ordine sparso:

1) A causa del nostro lavoro, tendiamo a sovrapporre due entità: “utenti” e “consumatori”. Consideriamo sempre che “mmmille milioni di UTENTI utilizzeranno Voice Search entro il 2019” non vuol dire mmmille milioni di CONSUMATORI utilizzeranno Voice Search entro il 2019″. Sono dei maledetti utenti, non sono qui per comprare le. Quei poveracci egocentrici.

2)Rispondi a questo: la stragrande maggioranza delle vote che ricorri ai comandi vocali del tuo dispositivo, cosa stai cercando? Esatto, stai cercando indicazioni stradali. Punto. Il resto è un gioco.

3) Noi smanettoni ci entusiasmiamo invitabilmente per TUTTO. Qualsiasi tecnologia, per stupida che possa essere, cattura la nostra immaginazione. La bramiamo, la idealizziamo, vogliamo utilizzarla solo per sentirci dire che siamo i più fighi. La verità è che occorre fare i conti con l’utilità di ciò che facciamo, e più spesso che no siamo nel torto. Ma la gente “normale”, mia madre, mio padre, mia moglie, loro sono il vero target, e si comportano diversamente da quanto facciamo noi, e da quanto ci aspetteremmo.

4) Appena comincerà a funzionare avvero, la ricerca vocale sarà sporcata inevitabilmente dalla piaga dell’advertising. Non ci possiamo fare niente, succederà. La qualità calerà a picco, la tecnologia sarà punita dal boss (cioè, di nuovo, l’utente).

5) Ho due/tre idee su come Google (et similia) saprà sfruttare alla grande la Voice Search, e una di queste è sicuramente: travestirsi da agnello all’inizio, lasciando che tutti salgano a bordo, per poi fare il lupo su un bacino maggiore. Invece, non ho ben chiaro il piano marketing di tutte le altre aziende normali.

6) Le tecnologie crescono esponenzialmente, lo sperimentiamo tutti i giorni. Secondo la legge dei ritorni acceleranti, (Ray Kurzweil, ma anche legge di Moore), la tecnologia avanza secondo un percorso esponenziale, e non lineare. Ciò porta a pensare che non abbiamo ancora visto niente, e che nel corso di poco tempo, forse non più di un decennio, forse non più di un lustro, vedremo delle cose inimmaginabili. Ciò che Google Translate fa oggi, dieci anni fa sarebbe stato assolutamente impensabile anche per lo scienziato più capace e ottimista. Non facciamo in tempo di stupirci per una tecnologia, che le risorse necessarie per attuarla diventano risibili, e siamo in grado di miniaturizzarla, potenziarla, creare qualcosa di meglio. Pochi anni fa, anche il banale smartphone suonava pazzesco! Ergo, prima che la tecnologia di ricerca vocale basata sul motore di ricerca sia effettivamente accessibile a una buona parte della popolazione italiana (quindi, non solo ricchi e non solo anglofoni), avremo a disposizione degli assistenti personali (e qui mi butto un po’ sul Blade Runner- ma che ci volete fare, sono un romantico) che renderanno obsolete le interazioni attuali. Il mio chiamiamolo-come-vogliamo sa già la mia taglia, i miei gusti: chiedo a lui di recuperarmi dei jeans, lui me ne procura di perfetti e a me non resta che scegliere tra opzioni sartoriali quasi perfettamente aderenti a ciò che voglio. No Zalando, no Facebook, no Google. Fantascienza? Oggi esiste questo, di cosa stiamo parlando!?

Ah già, visto che l’ho citato, accenno anche il discorso dei video. Nonostante quello che dice Facebook, alla gente piace leggere quello che fanno gli amici, non vedere i video del tuo brand. Deal with it.

Chiodo out.

 

Soundtrack: Automata I by Between the Buried and Me.